Warning: Parameter 3 to jreviews_content15() expected to be a reference, value given in /web/htdocs/www.suimonti.it/home/libraries/joomla/event/dispatcher.php on line 136
Il Ciclo dell'Acqua in Friuli
Scritto da Marco   

L'Acqua, elemento fondamentale ed indispensabile per la vita sulla terra, sarà il filo d'unione di dieci conferenze organizzate dalla Società Alpina Friulana, in collaborazione con il Comitato Scientifico del Club Alpino Italiano ed il Museo Friulano di Storia Naturale.

"Il Ciclo dell'Acqua in Friuli, terra ricca di fiumi e di chiare fontane" inizia sabato 19 gennaio 2013 ad Udine nel bellissimo e prestigioso contesto della Sala Ajace, con una prima conferenza, aperta a tutti, inerente le modificazioni geologiche intervenute nel territorio friulano, raccontati attraverso il variare del percorso del Tagliamento e del Fella e lo spostamento progressivo dello spartiacque settentrionale, per concludere con l'ultima invasione dei ghiacci, la formazione degli archi morenici ed il ritiro 'definitivo' dei ghiacciai. Corrado Venturini, geologo presso l'Università degli Studi di Bologna, descrive gli antichi percorsi del Tagliamento e del Fella tra Osoppo, Braulins, Venzone e Cavazzo quando, tra i cinque e i sei milioni di anni fa il Mar Mediterraneo si prosciugò per poi tornare a riempirsi di acqua, per passare alla storia recente del nostro territorio, da quando il Tagliamento smette di lambire Udine, fino all'ultima glaciazione, con il ritiro definitivo dei ghiacciai, che lasciano dietro di sè numerosi laghi ormai scomparsi ed una serie infinita di ventagli di detriti torrentizi.

Le successive conferenze si terranno ad Udine nella sala conferenze di Palazzo del Torso (Sede CISM) ed inizieranno dall'acqua che evapora dal mare e crea le nuvole, per poi approfondire tutti gli aspetti dove l'acqua è fondamentale per la vita: geologia, carsismo, ghiacciai, pioggia, neve, vegetazione, fauna, sfruttamento delle acque, economia d'acqua, antropologia, per concludere infine il discorso geologico nuovamente in Sala Ajace.

Il primo e l'ultimo incontro sono aperti a tutti, per partecipare alla restante parte del Corso di formazione è necessario iscriversi versando una quota di partecipazione.

>>> scarica qui il programma della rassegna