Warning: Parameter 3 to jreviews_content15() expected to be a reference, value given in /web/htdocs/www.suimonti.it/home/libraries/joomla/event/dispatcher.php on line 136
Chiadenis - via ferrata CAI Portogruaro
Scritto da Marco   

Ferrata divertente e mai esposta eccessivamente.

Da Cima Sappada prendere la strada per le Sorgenti del Piave e percorrerla tutta fino quasi a raggiungere l'omonimo rifugio. Parcheggiare l'auto alla partenza del sentiero 132 per il rifugio Calvi, che però useremo per il rientro.

Dal parcheggio ripercorrere la strada in direzione Cima Sappada e dopo circa 200 metri imboccare a sinistra il sentiero 173. Seguire il sentiero che dapprima costeggia il lato sud del Chiadenis e poi si inerpica lungo il vallone formato tra quest'ultimo e le pendici del Monte Avanza. Giunti al Passo dei Cacciatori seguire il sentiero a sinistra e dopo 5 minuti prendere a sinistra in direzione della Via di Guerra del Chiadenis (cartello giallo). Dopo un paio di minuti ci si trova davanti all'inizio della via ferrata come indicato da una targa metallica.

Superato l'iniziale avancorpo roccioso, si segue una breve cengia rocciosa verso sinistra che ci porta all'inizio di un lungo canale che in alcuni passaggi si presenta piuttosto ripido. Al termine del camino iniziano verso sinistra alcune cenge rocciose esposte ed attrezzate che, lasciate sulla destra alcune grotte e postazioni di guerra, ci permettono di guadagnare la vetta (croce e libro).

Dalla vetta evidenti attrezzature ci indicano la strada da seguire per il rientro: percorrere la lunga ed esposta cresta sud-ovest fino ad uno spallone, dal quale si scende l'ampio crestone raggiungendo un canale che seguiremo fino al termine. Si scende poi verso destra, seguendo le attrezzature, superando dei lastroni rocciosi che si possono presentare talvolta scivolosi per la presenza di alcuni rivoletti di acqua. Si arriva fino ad una forcellina dove termina il sentiero attrezzato. Il sentiero ci porta naturalmente verso il rifugio Calvi dal quale poi seguiremo la carrereccia fino al parcheggio di partenza.

 

Commenti 

 
#2 Paolo 2010-11-04 09:57 pienamente d'accordo con andrea , una rinfrescatina gli farebbe bene , comunque gia' comunicato a sez. cai un saluto a tutti
 
 
+1 #1 Andrea G. 2008-09-01 14:09 La vita avrebbe bisogno di una rinfrescata. In più punti le attrezzature dovrebbero essere riviste, un traverso in cengia in piena esposizione un cavo fissato aderente alla parete si sta sfilacciando…
 

Tutti gli itinerari che trovate su questo sito sono stati percorsi personalmente dal redigente della relazione, e la relativa descrizione dettagliata è riferita alle condizioni del percorso rilevate il giorno dell’effettuazione del sopralluogo. La morfologia del territorio montano è soggetta a continui cambiamenti dovuti agli eventi atmosferici e climatici, pertanto talvolta è possibile trovare delle differenze anche sostanziali con la descrizione dell’itinerario ove non aggiornato. La redazione di suimonti.it declina ogni responsabilità in seguito a incidenti occorsi e causati da cattive interpretazioni o comportamenti imprudenti usando i contenuti di questo sito.